Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons

Quando è la cervicale a creare problemi

A cura di
micol revelli
Micol Revelli

Personal Trainer
(micolreve@yahoo.it)

Il dolore cervicale o cervicalgia è comunemente descritto come un dolore localizzato a livello del collo, che si può estendere fino alle spalle e in casi gravi fino alle braccia. Diverse e molteplici possono essere le cause scatenanti: da un semplice colpo di freddo, alla cattiva postura, allo stress e alla tensione, fino a cause più serie come schiacciamenti della colonna, compressione delle vertebre, artrite o fratture. Allo stesso modo anche i sintomi possono essere di diversa entità: si va dal frequente torcicollo ad un dolore che si può estendere fino alle braccia rendendo difficoltosi i movimenti, al senso di nausea e vertigine unite alla cefalea. Nell’85% dei casi il dolore cervicale è causato da un’alterazione non grave che interessa i muscoli, i legamenti, i dischi intervertebrali e le articolazioni posteriori.
Cause del dolore:

  • Traumi pregressi (colpi di frusta)
  • Osteoartrite delle vertebre cervicali (spondilosi)
  • Degenerazione di uno o più dischi intervertebrali
  • Colpi di freddo (torcicollo)
  • Posizioni errate assunte nel corso della giornata
  • Sovraccarichi eccessivi e ripetuti sui muscoli del collo
  • Stress (molte persone tendono a scaricare le tensioni quotidiane assumendo posizioni rigide e contratte; tali tensioni agiscono soprattutto sui muscoli delle spalle e del collo, irrigidendoli)
  • Scarsa attività fisica
  • Eccesso di alcuni tipologie specifiche di attività fisica
  • Cattivo riposo notturno: uso di materassi e/o cuscini inadatti

Esercizi utili
Esistono degli esercizi molto efficaci per prevenire e in alcuni casi lenire i dolori della cervicalgia. Inclinare la testa a destra e a sinistra con estrema dolcezza per 8 volte. Poi volgere il capo prima da un lato, allineando il mento con la spalla, e poi dall’altro. Infine, compiere un mezzo giro del capo, passando dalla spalla destra, al centro dove il mento sfiora il petto, fino ad arrivare all’altra spalla. Dopo questi primi momenti, prendiamo la testa la incliniamo da un lato e premiamo un po’ con la mano, respirando profondamente e mantenendo la posizione per 1/2 minuti circa. Mentre espiriamo, la sensazione che potremmo avvertire è di dolore intenso perché i muscoli sono contratti e noi stiamo applicando una distensione; poi cambiamo lato e utilizziamo lo stesso procedimento. Bisogna ripetere la sequenza almeno tre volte, se siete molto contratti anche più volte. Finito questo, incrociate le mani dietro la testa, con le spalle bene aperte: contrapponete la forza delle mani a quella della testa che spingono in direzioni opposte (la testa verso dietro e le mani verso avanti), accompagnando il gesto da respirazione lunga e profonda. Poi cambiate, chiudete i gomiti in avanti, portate la testa tutta giù e le mani che applicano una leggera pressione verso il basso. Alternate questi due esercizi per almeno tre volte. Anche se si sospetta una semplice cervicale dovuta a contrattura muscolare è bene comunque non sottovalutare i sintomi e rivolgersi ad un esperto che saprà individuare quali sono le cause che la generano e quale è la terapia più indicata. La zona cervicale è infatti una delle più delicate di tutta la colonna vertebrale, per questo è sempre meglio evitare le cure fai da te. Mantenere una corretta postura nella vita quotidiana, allenare i muscoli di braccia e spalle e fare esercizi specifici per il collo, alcuni già precedentemente da noi trattati nei numeri di Mediamix, sono inoltre una buona prassi non solo per prevenire il dolore alla zona cervicale, ma anche per tenerlo sotto controllo. Questa patologia tende a ripresentarsi nel tempo e in presenza di determinate condizioni. Se invece ci troviamo di fronte a cervicale dovuta a cause più serie, come ad esempio schiacciamento delle vertebre, ernia discale, o artrosi cervicale, la terapia sarà molto più specifica. In questi casi sono innanzitutto necessari una serie esami approfonditi prima di poter formulare una diagnosi e successivamente creare una terapia ad hoc.