Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons

L’odontoiatria mondiale si dà appuntamento a Colonia

35° International Dental Show (IDS) dal 12 al 16 marzo

koelnmesse_2013

Sono i numeri che hanno caratterizzato il 35esimo International Dental Show (IDS) di Colonia a decretarne il successo sempre crescente: 2.058 aziende provenienti da 56 paesi, 150.000 mq di superficie espositiva, circa 125.000 visitatori da 149 nazioni. L’evento di portata internazionale si tiene ogni due anni nella città tedesca e rappresenta, per l’appunto, la fiera del settore dentale più grande del pianeta. Grande soddisfazione è stata espressa dalle aziende espositrici, che in una fase a dir poco complessa dal punto di vista economico hanno avuto di che sorridere. Da più parti è stato sottolineato l’altissimo grado di attrazione a livello mondiale di IDS, con effetti positivi e significative ripercussioni su tutto il comparto in termini concreti di business. Parole di elogio sono giunte anche dal Sottosegretario alla Salute tedesco Ulrike Flach, che ha aperto la manifestazione.
L’IDS di Colonia fornisce le condizioni ideali per la condivisione di informazioni, contatti e visibilità, e consente ai visitatori di apprezzare una vastissima gamma di prodotti e innovazioni a 360°. E proprio il sondaggio finale realizzato tra i partecipanti parla di un 74 % che si dice molto soddisfatto della partecipazione alla fiera.
Anche una nutrita rappresentanza di aziende del made in Italy, capeggiate dalla nostrana UNIDI, ha potuto far apprezzare le nostre eccellenze produttive in terra tedesca.
“IDS è l’evento top per il mercato dentale. Nel 2013, ancora una volta, ha attirato l’attenzione del mondo odontoiatrico internazionale”, ha affermato con soddisfazione il dr. Peter Engel, Presidente della Associazione dentale tedesca (BZÄK).
L’appuntamento con il prossimo IDS è per il 2015, dal 10 al 14 marzo. E in quella data ci auguriamo tutti che gli effetti della crisi avranno lasciato il posto ad una fase di maggiore stabilità e crescita dal punto di vista economico.

A cura della redazione