Show Buttons
Share On Facebook
Share On Twitter
Share On Google Plus
Share On Linkdin
Hide Buttons

Il Futuro del Marketing è nei micro-momenti, lo dice Google

Ormai siamo al sorpasso dei dispositivi mobili rispetto quelli fissi, principe indiscusso per la connettività è lo smartphone! Questo non èsicuramente sfuggito a nessuno di noi e di certo nemmeno agli studiosi del Marketing e alle ricerche sulle abitudini dei consumatori. Questo rapporto unico e costante che ogno di noi ha con il proprio dispositivo mobile ha modificato radicalmente il modo nel quale ci rapportiamo alla quotidianità. Quando apprendiamo una notizia o quando viviamo un momento più o meno memorabile della nostra vita, siamo portati ad avere una reazione che coinvolge l’uso di un device. La ricerca di informazioni, l’acquisto di prodotti, l’esperienza di marca: lo smartphone frammenta la giornata e segna l’andamento della esperienza del consumatore.smartphone-at-the-beach Google ha riconosciuto il valore di questi istanti vissuti in connessione e li ha rinominati “Micro Momenti”. Dunque il futuro del marketing aziendale è identificare e influenzare questi micro momenti. Lo stesso Google avvalora questa teoria con una recente ricerca dalla quale si evidenzia che: l’82% delle persone usa il proprio smartphone per prendere una decisione d’acquisto quando si trova in un negozio; il 62% degli utenti è propenso a risolvere un problema inatteso servendosi dello smartphone; il 90% degli utenti ha fatto progressi nel raggiungimento di un obiettivo a lungo termine usando lo smartphone nei tempi morti, il 91% usa il cellulare per acquisire idee, stimoli, mentre compie una certa attività.

I tratti più rilevanti di questa tendenza sono evidenziati in 4 micro-momenti principali, in una successione di “Io voglio”:

  • I-want-to-know – IO VOGLIO SAPERE
  • I-want-to-go – IO VOGLIO ANDARE
  • I-want-to-do – IO VOGLIO FARE
  • I want-to-buy – IO VOGLIO COMPRARE

Il brand e/o l’azienda deve riuscire a intervenire in tempo reale su quelli che sono i bisogni di un consumatore sempre più impegnativo. Deve riuscire a fornire una risposta immediata, rilevante e adeguata alla necessità, dunque estremamente personalizzata.